Rovello, stavolta vincono i cittadini  «La chiesetta non sarà spostata»  La curiosità: come un Don Camillo
La chiesetta che si voleva spostare per ragioni di sicurezza

Rovello, stavolta vincono i cittadini

«La chiesetta non sarà spostata»

La curiosità: come un Don Camillo

Strabag e Pedemontana fanno marcia indietro a distanza di una settimana

Indietro tutta di Strabag e Pedemontana e Strabag sull’annunciato spostamento della seicentesca chiesetta del Gesio, dedicata a Sant’Eurosia, protettrice dei frutti della terra, sulla strada provinciale 31.

In un incontro in Comune, i responsabili delle società hanno accettato di rinunciare all’idea di spostare di qualche metro la chiesetta per realizzarvi nelle vicinanze una più ampia area sosta, un’iniziativa – avevano fatto sapere da Pedemontana – che era dettata soltanto da motivi di sicurezza.

Già nei giorni scorsi si erano svolti alcuni sopralluoghi, l’intervento vero e proprio era però in programma per metà marzo. A sollevare il caso, qualche giorno fa, era stato il nostro giornale, rilanciando l’appello dei proprietari della chiesetta e la ferma presa di posizione dell’ex-sindaco Gabriele Cattaneo, il quale aveva ribadito che gli accordi presi in passato dal Comune con Pedemontana prevedevano che non sarebbe stata in alcun modo toccata l’antica e delicata chiesetta.

Un caso simile nel film “Don Camillo monsignore ma non troppo”

I dettagli su La Provincia in edicola giovedì 23 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA