Scappa in motorino al controllo  Bloccato, aggredisce gli agenti
Il tribunale di Como (Foto by archivio)

Scappa in motorino al controllo

Bloccato, aggredisce gli agenti

Un uomo di Cirimido girava senza targa a Fenegrò: inseguito fino ad Appiano, dove è stato bloccato. Ieri in tribunale per il processo con rito direttissimo, rinviato a luglio

Un uomo di 39 anni residente a Cirimido è stato arrestato domenica dopo un inseguimento tra Fenegrò e Appiano Gentile. L’uomo è stato intercettato mentre si trovava in sella a un ciclomotore in via Trento, a Fenegrò. Siccome il motorino non aveva targa, gli agenti gli hanno intimato l’alt.

L’uomo, anziché fermarsi, ha aperto il gas e si è dato alla fuga, una fuga descritta come piuttosto azzardata e pericolosa, condotta senza badare tropo alle precedenze e invadendo in più occasioni la corsia opposta di marcia. Bravi i vigili a non perderlo mai di vista, rimanendogli incollati alle calcagna fino a via De Gasperi, ad Appiano Gentile, riuscendo a bloccarlo.

Sceso dal mezzo, l’uomo, lungi dal calmarsi, li avrebbe però aggrediti a calci e pugni. Alla fine è stato arrestato con l’accusa di resistenza e di ricettazione, visto che al telaio del motorino sul quale stava viaggiando, probabilmente rubato, era stato cancellato il numero di matricola.

Ovviamente è stato anche denunciato per la mancata ottemperanza del decreto con cui il governo ha dettato le regole per questi giorni di epidemia. Il fermo è stato ovviamente convalidato ieri mattina in tribunale, davanti al giudice chiamato a un giudizio con rito direttissimo. L’uomo è stato poi scarcerato avendo il tribunale accolto una richiesta di rinvio del suo avvocato. Il processo è stato aggiornato al prossimo mese di luglio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA