Solbiate dopo la tragedia di Lorenzo  Tutor o autovelox fisso sulla Briantea
L’attraversamento della Statale Briantea una delle situazioni a rischio segnalate all’Anas

Solbiate dopo la tragedia di Lorenzo

Tutor o autovelox fisso sulla Briantea

E il sindaco rilancia le telecamere che multano chi passa con il rosso»

Tutor o autovelox sulla statale Briantea contro la velocità. Sono le due ipotesi, per rallentare la corsa delle auto in centro, emerse nel corso del vertice tra Anas e Comune tenutosi in Regione nei giorni scorsi. Incontro richiesto dall’amministrazione comunale dopo il tragico incidente dello scorso giugno , sei anni dopo un altro tragico sinistro

«Abbiamo evidenziato ad Anas che, oltre alla pericolosità dell’attraversamento pedonale della statale, c’è un problema di elevata velocità di transito – spiega il sindaco Federico Broggi – Ho avuto l’impressione che Anas non avesse finora percepito che il problema fosse così consistente e abbiamo iniziato a discutere ad ampio raggio nel merito. Non è stata assunta alcuna decisione, ma sono stati aperti diversi scenari per affrontare in modo particolare il problema della velocità».

«Anas ha messo sul tavolo due possibili soluzioni – aggiunge Broggi – Velox o addirittura un tutor, come quello installato sulla Lomazzo-Bizzarone. Concordo con Anas che un sistema come il tutor potrebbe essere utile per indurre un rallentamento. Sono due ipotesi che devono essere studiate».

«Noi abbiamo ripresentato il nostro progetto - continua Broggi - che prevede di installare impianti di video controllo delle infrazioni (passaggio con rosso e superamento dei limiti di velocità) in corrispondenza dei semafori già presenti lungo la statale, all’altezza delle vie Cavour e Piave. Intervento che può mettere in sicurezza l’attraversamento pedonale, ma non incide se non indirettamente sulla velocità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA