Parcheggi per gli hotel, l’accusa  «Il Comune non può abolirli»
L’avvocato Mario Lavatelli (a sinistra) e Cristian Dolce (Foto by butti)

Parcheggi per gli hotel, l’accusa

«Il Comune non può abolirli»

Secondo l’avvocato Lavatelli «la sottrazione dei parcheggi riservati alle strutture ricettive è illegittima e non risponde a un vero interesse pubblico»

«La sottrazione dei parcheggi riservati alle strutture ricettive è illegittima e non risponde a un vero interesse pubblico». Non solo, alla base della decisione della giunta e del consiglio comunale, rincara l’avvocato Mario Lavatelli , ci sarebbe un’interpretazione non completa di un parere ministeriale, determinata da una relazione del comandante della Polizia locale Donatello Ghezzo .

A far discutere è il regolamento parcheggi, approvato dal consiglio comunale a metà dicembre, in cui 14 hotel sono stati esclusi dall’assegnazione di trenta parcheggi riservati.

«Una nota di luglio, a firma del dirigente della Polizia locale, desta alcune perplessità – dice il presidente dell’Associazione degli utenti della strada –. Viene citato parzialmente un parere del Ministero dei Trasporti sulla questione degli stalli per le strutture ricettive, ricevuto a febbraio 2019, mai prima reso noto alla cittadinanza e, in particolare, agli albergatori. Si è venuti a conoscenza solo dopo la richiesta di accesso agli atti da parte de “El Merendero”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA