«Il Covid ci perseguita dopo otto mesi
Ai no vax diciamo: attenti, è un inferno»

I titolari del pub Kalinka a Uggiate Trevano: «Mesi di ospedale, portiamo ancora addosso i segni». I coniugi erano finiti ricoverati assieme soltanto due giorni prima dell’appuntamento per il vaccino

«Il Covid ci perseguita dopo otto mesi Ai no vax diciamo: attenti, è un inferno»

Nazario sarebbe anche un fiume in piena di parole, ma ogni tanto deve fermarsi per prendere respiro e scacciare quel “raspino” in gola che sembra non volerlo più abbandonare. Sono passati quasi 8 mesi da quando lui e la moglie si sono ritrovati in ospedale, con la testa avvolta dal casco per l’ossigeno, a causa del Covid. «E ancora oggi ne portiamo addosso le conseguenze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}