Variante Tremezzina già in ritardo. Non si finirà per le Olimpiadi 2026

Nel Comasco Nonostante la chiusura di quattro mesi della Regina per fare i lavori preliminari non è ancora ufficialmente partito il count down per l’attesa strada a lago da Colonno a Griante

Variante Tremezzina già in ritardo. Non si finirà per le Olimpiadi 2026
Variante Tremezzina: sono stati ormai definiti gli imbocchi della galleria principale e della galleria di servizio prevista nel comune di Colonno

Qualcuno potrebbe obiettare che un paio di mesi di ritardo nei confronti di un’opera attesa da trentasei anni - considerato che il primo progetto per i lavori “di ammodernamento del lotto Argegno Colonno Menaggio” della statale Regina risale all’ottobre del 1986 (a firma dell’ingegner Giovanni Da Rios) - potrebbero essere rubricati alla stregua di un battito di ciglia. E non si tratta di un argomento peregrino. Eppure, se vista da un’altra angolazione, la dibattuta vicenda della variante della Tremezzina, mese dopo mese, ha assunto i toni della storia infinita.

Il dato oggettivo è che ad oggi non è stata ancora formalizzata - da parte di Anas - la consegna totale dell’opera da 369 milioni di euro. Per diretta conseguenza, i cinque anni e due mesi per arrivare al taglio del nastro dell’infrastruttura di gran lunga più attesa del territorio e destinata a collegare lungo 9,8 chilometri Griante con Menaggio non sono ancora scattati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}