Lunedì 01 Novembre 2010

Fumetti: «Il grande Diabolik»
ritorna in versione de luxe

MILANO Torna «Il grande Diabolik» in edizione de luxe. Quando, nel 1962, in un "salotto bene" di Milano, Angela e Luciana Giussani diedero vita a Diabolik, certamente non avrebbero potuto prevedere che il suo successo sarebbe loro sopravvissuto, rafforzandosi anno dopo anno sino a oggi e con tutti i presupposti per continuare in futuro. Un successo che ha stupito tanti (a cominciare dalle stesse sorelle) ma che fonda le sue radici nella professionalità, nella passione, nel rispetto per il personaggio e per i suoi lettori che, sin dall'inizio, hanno caratterizzato la loro opera.
Racconta Mario Gomboli, direttore editoriale - oltre che autore e sceneggiatore - dell'Astorina: «Quando Luciana Giussani mi affidò la direzione della casa editrice nel 1999, mi chiese anche di rispettare la filosofia che, da sempre, aveva improntato le scelte, editoriali come narrative, sue e della sorella». In questo, tutti i collaboratori della casa editrice Astorina si impegnano, giorno dopo giorno, per assicurare, come le sorelle amavano ripetere a ogni brindisi: «Lunga vita a Diabolik!».
Ogni mese, in edicola, nella serie inedita e nelle varie ristampe, nuove e avvincenti avventure del "re del terrore", in grado di lasciare con il fiato sospeso per l'intera lettura.
Tra le novità editoriali di questa fine dell'anno, spicca la nuova edizione - non una banale ristampa, bensì una vera e propria riedizione nuova per formato, colore e contenuti speciali - del ricercatissimo primo numero della collana «Il  grande Diabolik» pubblicato nel lontano luglio 1997. Oggi, a distanza di tredici anni, la casa editrice Astorina ripropone nelle edicole quella storica avventura del "Re del terrore" in un'edizione di pregio: 176 pagine di grande formato (18 x 26 centimetri) a 6,90 euro, tutte a colori, arricchite da una interessante prefazione che racconta il "dietro le quinte" della prima edizione e di questa nuova versione.
Ora, la trama dello speciale «Il grande Diabolik - Un tesoro rosso sangue». All'ombra della piramide di cristallo che protegge il tesoro di re Koati, Diabolik e Ginko si incontrano, si affrontano ma, alla fine, si trovano fianco a fianco, casualmente alleati per sconfiggere una banda di sanguinari criminali. Il soggetto è di Stefano Ferrario, la sceneggiatura di Patricia Martinelli, i disegni di Sergio Zaniboni (il disegnatore "principe" del personaggio, che firma anche l'immagine di copertina), Franco Paludetti e Brenno Fiumali.
Andrea Cavalcanti

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags