Mercoledì 23 Febbraio 2011

Trasferimenti prof, firmato contratto:
domande attese entro il 21 marzo
 

ROMA Ieri sindacati e Miur hanno firmato l'atteso contratto sulla mobilità del personale scolastico, che ogni anno coinvolge almeno 100mila dipendenti tra docenti e amministrativi, tecnici e ausiliari: tutte le domande andranno presentate entro il 21 marzo 2011. A darne notizia sono state ieri sera le organizzazioni sindacali, che hanno anche specificato di aver sottoscritto il provvedimento - che riguarda le operazioni di trasferimento, utilizzazione ed assegnazione provvisoria del personale - «senza alcuna modifica rispetto alla pre intesa del 16 dicembre 2010».
L'accordo è stato sottoscritto da tutti i sindacati, ma non dalla Uil Scuola, che ha confermato la sua contrarietà per un «contratto che, mentre ci sono forti tagli sugli organici, non tutela chi perde posto». Il riferimento del sindacato guidato da Di Menna è alla mancata volontà del Miur di «mantenere tutti i titolari nelle scuole salvo spostare solo quegli insegnanti per i quali, a settembre, ci siano posti effettivamente disponibili» e al contestuale rifiuto del dicastero di viale Trastevere di «dare la precedenza a chi si sposta non per sua scelta ma perché non ha più il suo posto di lavoro».
Probabilmente già oggi, verrà pubblicata la circolare ministeriale di accompagnamento del contratto e la specifica ordinanza, alla firma del Ministro, che regola le procedure, la modulistica e le scadenze.
La Flc-Cgil ricorda le maggiori novità incluse nel contratto: «Nell'ambito e per la scuola primaria, secondaria sia di primo che di secondo grado, tutte le domande sia di trasferimento che di mobilità professionale (passaggi) vanno presentate obbligatoriamente on line. Il personale docente della scuola dell'infanzia, il personale educativo e il personale Ata continuerà a presentare le domande con la consueta procedura cartacea. Oltre il termine di scadenza del 21 marzo potrà presentare domanda, su carta, esclusivamente il personale docente, educativo ed Ata - conclude il sindacato - dichiarato soprannumerario nella propria scuola per riduzione di organico».

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags