Venerdì 25 Febbraio 2011

Over 60 e la sindrome Highlander
Salute a rischio per troppo sport

L`Italia è un Paese per vecchi. E quando si ha una certa età anche il voler imitare e invidiare la gioventù può rappresentare un pericolo.
La quota di over 60 ha infatti toccato negli ultimi 10 anni un incremento di 1,8 milioni di persone e l'aumento della popolazione anziana ha portato anche a un radicale cambiamento di abitudine dei "nonni italiani".
Sono sempre meno, infatti, gli over 60 che si dedicano al relax a favore di coloro che praticano costantemente attività sportive (41,4%).

L`attenzione per il wellness, però, conduce spesso ad un`ossessiva ricerca della forma fisica, non senza danni per la salute. Gli esperti la chiamano "sindrome di Highlander", prendendo spunto dal titolo del celebre film degli anni '80. Nasce dall`eccesso di sforzo e di attività sportiva a cui i soggetti anziani si sottopongono pur di non rinunciare allo sport. Ictus, attacchi di cuore ed incidenti dovuti ad un allenamento non controllato rappresentano le minacce tangibili.


 A soffrire della sindrome di Highlander sono differenti categorie di individui (ex-atleti, semi-professionisti o sedentari) che perseguono un`eccessiva tendenza alla competizione, all`autostima e alla sensazione di benessere. Gli "immortali" praticano uno sport nella speranza di poter ritrovare il vigore e la forza dell`età giovanile, ma troppo spesso senza consultare un medico o un preparatore atletico e senza sottoporsi a tutti quegli esami di routine.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags