Lunedì 27 Giugno 2011

L'asteroide è passato
E la Terra tira un respiro

ROMA È passato e la Terra è, per stavolta, salva. A dire il vero non c'erano eccessivi pericoli dal passaggio dell'asteroide  2011 MD "molto vicino" al nostro pianeta. Gli astronomi avevano spiegato che i 12 mila km di distanza sono una misura "piccola" per le misure di grandezza dello spazio, ma abbastanza rassicurante sulla possibilità di un devastante impatto.
Comunque 2011 MD è passato senza fare danni.
Si tratta comunque dell'asteroide più grande che finora abbia sfiorato il nostro pianeta. Ha un diametro compreso fra 8 e 18 metri, e il suo come resterà legato a questo record finchè i "cacciatori di asteroidi" non riusciranno a scoprire altri oggetti di dimensioni confrontabili capaci di avvicinarsi tanto alla Terra.
«Ci sono altri asteroidi che si sono avvicinati alla Terra più di quanto abbia fatto 2011 MD, ma erano decisamente più piccoli», ha rilevato Andrea Milani, del dipartimento di Matematica dell' università di Pisa e a capo del gruppo di ricerca specializzato nel calcolare le orbite dei cosiddetti Neo (Near Earth Objects), gli asteroidi la cui orbita potrebbe portarli ad avvicinarsi pericolosamente alla Terra.
Degli incontri ravvicinati degli ultimi anni, il record va all'asteroide 2008 TC3 dal diametro di 4 metri, il primo osservato in diretta in rotta di collisione con la Terra: nell'ottobre 2008 è andato in mille pezzi e i suoi frammenti sono caduti nel deserto del Sudan.

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags