Lunedì 01 Agosto 2011

Cameron si serve al bar da solo
Lui si vendica: niente mancia

I nostri politici con fin troppi privilegi, quelli degli altri addirittura non sono riconosciuti per strada, vanno in vacanza come milioni di persone nornali e magari capita che al bar siano costrrettia  improvvisarsi camerieri.

E' quanto accaduto al premier britannioco David Cameron al suo primo giorno di vacanza in Toscana. Il suo ambizioso progetto per la ricostruzione della Gran Bretagna, la "Big Society", incoraggia effettivamente i cittadini a una maggiore responsabilizzazione, a fare le cose autonomamente.
Tuttavia deve essere rimasto leggermente sorpreso quando, nel suo primo giorno di vacanza in Toscana, una cameriera alla quale aveva ordinato un caffè gli ha detto di portarselo al tavolo da solo.

 Alla vicenda, accaduta domenica al "Dolce nero" di Montevarchi, dedica ampio spazio il Telegraph. Il premier britannico si è concesso un'uscita pubblica insieme alla moglie Samantha ed è entrato in un locale, dove - scrive il quotidiano - non è stato riconosciuto.
Cameron ha ordinato due cappuccini e un caffè e ha chiesto alla cameriera se poteva portarli fuori a lui, alla moglie e a un collaboratore di Downing Street, seduti a un tavolino all'aperto. Ma la ragazza gli ha risposto di essere troppo occupata in quel momento e lo ha invitato a farlo da solo. "Mi hanno detto soltanto dopo chi fossero e adesso sono davvero imbarazzata", ha spiegato la cameriera, la 27enne Francesca Ariani, intervistata dal Telegraph. Secondo cui il brusco trattamento non è costato alla ragazza soltanto una figuraccia: il premier britannico ha infatti pagato il conto - tre euro e dieci centesimi - con un banconota da cinquanta e non ha lasciato mancia...

I Cameron, che alloggiano in una villa del diciottesimo secolo a pochi chilometri da Montevarchi, hanno successivamente incontrato il sindaco della città toscana, che ha regalato loro una medaglia in bronzo.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags