Martedì 04 Ottobre 2011

Arriva l'iPhone 5
ma c'è il giallo

NEW YORK - Apple ha venduto quasi 130 milioni di iPhone dal 2007 a oggi, un ritmo che potrebbe rivelarsi difficile da mantenere di fronte a una concorrenza che ormai offre prodotti con caratteristiche e funzionalità simili allo smartphone con il marchio della Mela.
Proprio questo è uno dei motivi per cui l'attenzione del mercato e della stampa sarà puntata oggi su Cupertino, dove Apple lancerà, nelle attese di gran parte degli osservatori, l'iPhone 5. Dovrebbe essere più leggero e sottile e con un processore e fotocamera più potenti, e sarebbe il primo lancio di un nuovo prodotto nell'era di Tim Cook come amministratore delegato. Nelle speculazioni della vigilia - Apple mantiene come d'abitudine il segreto - non parteciperà Steve Jobs, il fondatore, che si è dimesso da ad lo scorso agosto e sul cui stato di salute non si hanno notizie precise.
Secondo fonti sentite dal settimanale Bloomberg BusinessWeek potrebbe essere annunciato anche iOS 5, la quinta versione del sistema operativo che fa funzionare sia iPhone che iPad.
E tra le altre voci c'è anche quella per cui potrebbe uscire anche un modello a costo più basso dell'attuale iPhone 4 uscito nel giugno dell'anno scorso, con il nome di iPhone 4S.
Apple rimane il maggiore singolo produttore di smartphone e controlla il 28% del mercato negli Usa, mentre il 43% è ormai di Android, il sistema operativo di Google. La differenza è che i telefoni Android sono prodotti da una varietà di nomi e hanno in comune solo il sistema operativo, che peraltro è fornito in una varietà di versioni, nessuna delle quali esattamente uguali alle altre. Un approccio radicalmente diverso da quello di Apple, ma comunque in grado di conquistare quasi metà del mercato.
Motivo che spinge l'azienda di Cupertino a rinnovare costantemente il suo prodotto di punta.
Questa volta la sorpresa potrebbe venire, secondo l'analista Gene Munster di Piper Jaffray, nome assai seguito nella comunità degli investitori in Apple, dall'aggiunta di nuove capacità di riconoscimento vocale per dare comandi allo smartphone senza usare le mani.

s.golfari

© riproduzione riservata

Tags