Mercoledì 03 Aprile 2013

Telefonate gratis via web
Facebook al via in Italia

Era solo questione di tempo, ma adesso per Skype si annuncia un concorrente. Facebook Messenger era già un possibile buon sostituto di WhatsApp che ha deluso molti utenti da quando si è ufficializzato che sarà a pagamento, ma ora si pone sempre più come alternativa anche a servizi consolidati come Skype e Viber. 

Così Facebook Messenger, l'app messa a punto dal social network di Mark Zuckerberg, che dopo Canada, Stati Uniti e Regno Unito inizierà anche in Italia il test per le chiamate VoIP, cioè quelle possibili grazie a Internet. Il servizio si allarga in Europa pure a Germania, Francia e Spagna. E l'azienda di Menlo Park si candida sempre di più a diventare una piattaforma "mobile" con una potenza di fuoco di un miliardo di utenti, in attesa di lanciare un suo smartphone, come si vocifera da tempo.


L'applicazione Facebook Messenger è stata lanciata meno di un anno fa, ad agosto 2011: permette l'invio di messaggi in forma di testo e voce agli altri utenti del social network. In alcuni paesi come Australia, India, Indonesia, Sud Africa e Venezuela si può usare addirittura senza un profilo Facebook, cioè semplicemente registrandosi con nome e numero di telefono.

Al momento gli utenti italiani della piattaforma - secondo le ultime stime sono oltre 21 milioni - potranno effettuare chiamate gratis tra di loro, sfruttando la connessione Internet wi-fi o quella del loro smartphone, scaricando l'app disponibile per piattaforma Android e iOS.

Per effettuare una chiamata basterà avviare l'app, spostarsi su una conversazione aperta con un contatto e selezionare il pulsante in alto a destra identificato con la lettera "i". Comparirà una schermata grazie alla quale sarà possibile chiamare gratuitamente il contatto. Ovviamente, la qualità della chiamata è direttamente proporzionale a quella della connessione attiva sul proprio dispositivo. Allargando sempre di più questa iniziativa, Facebook cerca così di appropriarsi di una fetta di mercato più ampia possibile.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags