Buonanotte

L’ultimo pensiero prima di spegnere la luce. O il primo dopo averla spenta

(facebook.com/mario.schiani - twitter: @MarioSchiani)

di Mario Schiani
Venerdì 01 Settembre 2017

Io sono più unico

Fate finta che questa sia una rivista patinata e che voi, ancora in spiaggia nonostante sia settembre, vi concediate uno di quei test tesi a stabilire chi siete veramente (fino al prossimo numero). Il test consiste innanzitutto nella lettura di due frasi:

1) Siamo tutti uguali. Desideriamo le stesse cose: un riparo, cibo, compagnia e comodità. Tutti, inoltre, procediamo verso lo stesso, inevitabile destino.

2) Io sono unico. I dettagli che compongono la mia vita non sono quelli di chiunque altro, appartengono solo a me.

Ora scegliete: quale delle due frasi considerate più vera, più vicina all’effettivo stato delle cose? Fatto? Bene, ora i risultati.

Le due frasi, naturalmente, sono entrambe “vere”: in esse è racchiuso il paradosso della vita, una contraddizione che siamo chiamati ad accettare perché, nonostante i nostri sforzi e la nostra ostinazione, essa è destinata a rimanere. Noi siamo, e sempre saremo, simili e diversi, uguali e unici.

Un articolo pubblicato su “Social Psychology” sostiene però che la scelta di cui sopra dice qualcosa circa la nostra unicità. Chi si riconosce più nella frase 2, e respinge (o ignora) la sostanziale uniformità degli esseri umani, è più incline a credere a cospirazioni e teorie anche (soprattutto) sgangherate. Questo perché proclamare tali teorie significa affermare la propria differenza rispetto alla “massa”: non lo si fa per informare il prossimo, ma per fargli credere di essere “più avanti”.

di Mario Schiani

© riproduzione riservata