Buonanotte

L’ultimo pensiero prima di spegnere la luce. O il primo dopo averla spenta

(facebook.com/mario.schiani - twitter: @MarioSchiani)

di Mario Schiani
Martedì 10 Ottobre 2017

Musica e influenza

Ora sappiamo quali sono gli artisti (musicali) più influenti del mondo. O meglio, sappiamo quali artisti hanno avuto più influenza su altri artisti: per estensione, possiamo azzardarci a dire che sono i più influenti di tutti.

L’informazione si basa sul database AllMusic, che comprende i profili di oltre 53mila artisti, ognuno dei quali ha indicato le più importanti influenze che hanno forgiato la loro musica. Ebbene, poche sorprese: in testa troviamo un terzetto - Beatles, Bob Dylan, Rolling Stones - sul quale avremmo facilmente scommesso.

Per quanto riguarda il nostro Paese, il dato andrebbe corretto inserendo l’influenza avuta da artisti italiani su altri artisti italiani ma la classifica finale mondiale, visto il peso della musica di matrice anglosassone,non cambierebbe nella sostanza.

Sappiamo dunque quali sono gli artisti più influenti ma, probabilmente, abbiamo poco chiaro il concetto di “influenza” artistica e musicale. Se lo proiettiamo su noi stessi, come lo definiremmo? Influenti sono forse quegli artisti senza i quali ci riesce difficile immaginare la nostra vita e, anzi, la loro assenza trasformerebbe in deserto il nostro personale giardino culturale.

In questo senso, devo ammettere che non potrei mai riconoscere il mio giardino senza i Beatles. Ma temo anche che l’assenza della più piccola eco raccolta per strada in tutti questi anni trasformerebbe quel recinto in una radura sconosciuta. Se parliamo di influenza, insomma, io sono un malato grave.

di Mario Schiani

© riproduzione riservata