Buonanotte

L’ultimo pensiero prima di spegnere la luce. O il primo dopo averla spenta

(facebook.com/mario.schiani - twitter: @MarioSchiani)

di Mario Schiani
Venerdì 04 Agosto 2017

Prematura cecità

Siamo tutti preoccupati per il futuro. Lo stiamo per costituzione fisica, se vogliamo: preoccuparsi è una tecnica di sopravvivenza e di che cosa preoccuparsi se non del futuro? C’è però chi non si accontenta di una generica apprensione per ciò che verrà e si concentra su paure specifiche: che fine farà il nostro Paese se l’«invasione» degli immigrati continuerà? Saremo tutti musulmani? E la famiglia? Chi difenderà la famiglia? Saremo tutti gay?

Insomma, costoro “vedono” un futuro nero e non solo genericamente nero, ma nero per ragioni precise. Nell’oggi “vedono” ragioni per disperare nel domani.

Ebbene, è molto probabile che sbaglino. Non tanto perché le loro paure sono discutibili - e lo sono - quanto perché molti di loro il futuro non lo “vedranno” affatto. La questione non è solo anagrafica: a impedire la loro “visione” interverrà dell’altro. Un articolo nel Lancet Global Health annuncia che entro il 2050 l’incidenza della cecità nel mondo si sarà triplicata. «I casi - questa la previsione - passeranno dagli attuali 36 milioni a circa 115. L’unico modo per evitarlo, al momento, è finanziare la ricerca».

Non c’è nessun mistero in questo repentino incremento della cecità: si prevede infatti che la popolazione anziana nei prossimi decenni aumenterà e di molto e dunque più persone saranno soggette ai disturbi della vista. Ecco qui un altro bel motivo di preoccupazione per il futuro. Possiamo forse ignorarlo? Non sarebbe forse colpevole cecità? O forse soltanto prematura.

di Mario Schiani

© riproduzione riservata