Sabato 26 Aprile 2014

25 Aprile con litigio

per i neofasciti a Como

1 Il sindaco Mario Lucini interviene dal palco davanti al monumento alla Resistenza, con lui le principali autorità civili e militari

Como

Polemica dal palco di fronte al monumento alla Resistenza, in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile. L’ha innescata Guglielmo Invernizzi, presidente dell’Anpi di Como, nel suo intervento davanti a oltre 300 persone. Un attacco a prefettura e questura, ma anche al sindaco Mario Lucini, colpevoli secondo Invernizzi di sottovalutare la presenza di movimenti neofascisti sul territorio comasco.

«Da anni è in atto una recrudescenza di attività neofasciste e filonaziste sul nostro territorio - ha detto Invernizzi - Alcune di queste occupano spazi pubblici in cui si sprecano saluti fascisti, simboli e atteggiamenti che contrastano con le leggi vigenti. Oltre ad aver avuto più di un incontro con le autorità su questi problemi, abbiamo inoltrato segnalazioni e un esposto-denuncia, ma tutto è finito nel nulla. Non abbiamo mai visto una denuncia d’ufficio su questi reati, lo dico con sincerità e con preoccupazione. Non siamo soddisfatti delle risposte che abbiamo avuto».

Un botta e risposta

Parole molto critiche che hanno visibilmente irritato il prefetto Bruno Corda.

© riproduzione riservata