Battello spazzino, scontro tra Comune e Provincia

Battello spazzino, scontro tra Comune e Provincia

Concessione scaduta e Palazzo Cernezzi disponibile a rinnovarla solo alle attuali condizioni. Villa Saporiti ha fatto sapere di non avere soldi

In un indirizzo approvato dalla giunta sul servizio di pulizia del battello spazzino, il Comune di Como risponde alla Provincia facendo sapere di essere disposto e interessato a proseguire ma solo a pari condizioni. Se Villa Saporiti dovesse confermare l’indisponibilità di risorse, per il pagamento del carburante e per il pagamento dello smaltimento dei detriti e di conseguenza tali costi ricadessero su Como, Palazzo Cernezzi non accetterà il rinnovo della convenzione. «A tali condizioni non possiamo accettare - spiega l’assessore all’Ambiente Bruno Magatti - Como non può sobbarcarsi il pagamento di costi altrui. Siamo disposti e interessati a proseguire il servizio solo se ci confermano le condizioni in vigore fino ad oggi. Aspettiamo una risposta dalla Provincia e stante i loro obblighi istituzionali ci aspettiamo che metteranno a disposizione le risorse».

© RIPRODUZIONE RISERVATA