Venerdì 28 Febbraio 2014

Carabinieri in classe a Como

«Occhio al cyberbullismo»

Il maggiore dei carabinieri Federico Ninni con i ragazzi del Cfp Startingwork

Como

Rischi legati ad un uso improprio della rete: fra questi ci sono il cyberbullismo e le tecnodipendenze.

Un minorenne cosa deve fare? Come può difendersi? La lezione organizzata ieri dal Cfp Starting work di Como, alla quale hanno partecipato i ragazzi di prima e seconda superiore del centro, ha dato alcune risposte. «D’altra parte – ha spiegato il preside Guido Biondi - i nostri alunni diventeranno operatori grafici multimediali, è importante che conoscano in anticipo i pericoli che si annidano nel web».

Per cyberbullismo s’intende «l’uso delle tecnologie per intimorire, molestare, mettere in imbarazzo o far sentire a disagio altre persone». Tutto ciò può avvenire utilizzando diverse modalità offerte dai nuovi media, ad esempio le chat, i social network e i forum on line.

© riproduzione riservata