Colpo di spugna sulle truffe  «Una violenza agli anziani»
Un furgone della polizia penitenziaria sul retro del palazzo di giustizia di Como

Colpo di spugna sulle truffe

«Una violenza agli anziani»

Polemiche sul provvedimento che depenalizza i reati minori

Il sindacato pensionati: «In questo modo sparisce il deterrente»

Il consiglio dei ministri vara il decreto legislativo destinato ad alleggerire il carico di fascicoli con l’introduzione della possibilità di archiviare quei “fatti di lieve entità” legati a tutti i reati puniti dalla legge con una pena massima di 5 anni. A livello astratto nulla da eccepire, ma se si applica questa formula al concreto il rischio concreto è l’impunità - ad esempio - per i truffatori.

«A me non piace molto un atteggiamento fortemente punitivo da parte dello Stato - premette Amleto Luraghi, segretario del sindacato pensionati della Cgil - però certamente, soprattutto per quel che riguarda le truffe nei confronti degli anziani, la possibilità di archiviare le accuse penali si tradurrebbe nella cancellazione di un deterrente a commettere simili reati».

Il servizio completo su La Provincia in edicola


© RIPRODUZIONE RISERVATA