Martedì 23 Luglio 2013

Como, Casa del fascio

Anche Maroni dice sì

Como

Anche il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni, è d’accordo: la Casa del fascio di Terragni dovrebbe essere riconsegnata al Comune di Como. Che la vorrebbe trasformare in polo culturale d’eccellenza. Maroni è intervenuto sul tema domenica sera a Sala Comacina, a margine di un incontro con i giovani padani: «Da sempre - ha detto - la Lega sostiene che i beni di questo tipo debbano passare dallo Stato centrale ai singoli Comuni».

Si tratta di un principio alla base del federalismo municipale caro al Carroccio. «Rispetto allo Stato - ha detto Maroni - i Comuni riescono a valorizzare al meglio questi beni a favore della città. E saprebbero anche risparmiare dei soldi».

«Sono d’accordo»

A fronte della richiesta avanzata dal sindaco Mario Lucini al presidente del Consiglio Enrico Letta e ai ministri della Cultura Massimo Bray e delle Finanze Fabrizio Saccomanni, ha concluso dunque Maroni, «sono d’accordo».

Da un punto di vista legale, il governatore della Lombardia non ha i mezzi per sbloccare la situazione: il destino della Casa del fascio, infatti, è legato esclusivamente alle decisioni dello Stato. Ma quella di Maroni, sul fronte politico, resta una presa di posizione di un certo peso.

© riproduzione riservata