Como, pistola in pugno  Rapina alla tabaccheria  Guarda il video

Como, pistola in pugno

Rapina alla tabaccheria

Guarda il video

Albate, terrore in via Canturina. Uno dei malviventi ha puntato l’arma contro il titolare e la moglie. Gli inquirenti hanno acquisito le immagini delle telecamere. La donna: «Siamo stanchi di avere paura»

Armati di pistola. Decisi. Quasi sicuramente fatti di cocaina. E, per questo, pericolosi. Due rapinatori hanno assaltato e svaligiato la tabaccheria di via Canturina ad Albate. Ma, soprattutto, hanno terrorizzato i proprietari. È accaduto il 24 aprile scorso, ma la notizia è venuta a galla solo nelle ultime ore. Un assalto ripreso dalle telecamere di sicurezza della tabaccheria.

Mancano pochi minuti all’orario di chiusura. I proprietari salutano un’ultima cliente, passata ad acquistare le sigarette. La donna se ne va. Passano trenta secondo e, all’improvviso, ecco spuntare i rapinatori.

Due giovani, quasi sicuramente italiani, entrambi con una felpa scura, il cappuccio tirato sopra la testa, sul volto una sciarpa a coprire bocca e naso. Niente guanti. In mano uno dei due ha una pistola. Il complice è disarmato.

I titolari della tabaccheria gestiscono il punto vendita di Albate da decenni. E, purtroppo, di visite di rapinatori ne hanno già ricevute: «Ben otto» spiega la donna. Un numero clamoroso di assalti a mano armata.

«Siamo stanchi di avere paura - prosegue la titolare - Paghiamo le tasse, abbiamo anche fatto installare le telecamere di sicurezza a nostre spese, ma il risultato è questo».

Tutti i particolari su La Provincia in edicola martedì 5 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA