Lunedì 11 Novembre 2013

Incidenti a Cantù, 359 all’anno

È il sabato il giorno più nero

La maggior parte degli incidenti si verifica sul rettilineo e nelle giornate serene

Trecentosessanta incidenti in un anno, praticamente uno al giorno, nel Canturino e nel Marianese. Senna Comasco escluso. Motivo principale: il mancato rispetto della segnaletica, seguito a ruota dall’eccessiva velocità, e giorno in cui è più facile compilare la constatazione amichevole – nel migliore dei casi - è il sabato.

A differenza di quanto si potrebbe credere, poi, gli incidenti si verificano soprattutto in rettilineo e con tempo sereno.

Evidentemente curve e pioggia, insidiose, invitano alla prudenza. Dati che emergono dall’analisi svolta da Automobile Club Italiano con Istat, che ha passato in rassegna le statistiche relative a tutti gli incidenti avvenuto nel 2012 nel Comasco. Risultato totale 1.727, in 33 casi con esito mortale e 2.429 feriti, lievi o meno.

Questione di dimensioni

Il numero maggiore di incidenti, come era ovvio per semplici questioni di dimensione, si registra a Como, 482 con 639 feriti e 4 morti. Per gli stessi motivi, ovvero la grandezza, al secondo posto segue Cantù, che nel 2012 ha visto 129 scontri sulle strade, con 196 feriti e un morto. Mariano Comense invece registra “solo” 88 incidenti e 115 feriti, ma ben 3 decessi, il dato peggiore.

Considerando i Comuni di Canturino e Marianese il conto degli incidenti si ferma a 359, e al primo posto in questa poco felice classifica territoriale si piazza Cermenate con 31, 56 feriti e un morto sulla strada. Quindi Inverigo, con 20 incidenti, 24 feriti e anche in questo caso un decesso. Comuni attraversati da strade dove il traffico è intenso e veloce, come la statale dei Giovi in un caso e la Valassina nel secondo.

Seguendo diligentemente l’ordine di grandezza, arriva quindi Alzate Brianza, dove si sono contati 16 incidenti, che hanno fatto 24 feriti e fortunatamente nessun morto, come è stato a Vertemate con Minoprio, che conta 14 casi d’incidente e 19 feriti. Anche in questo caso essere affacciati sulla statale dei Giovi gioca un ruolo importante, soprattutto per quanto riguarda l’immissione dalle strade laterali alla trafficatissima arteria. Seguono Arosio con 13 incidenti (17 feriti), Cabiate con 12 (21 feriti), Figino Serenza con 10 (12 feriti), Carimate con 8 (12 feriti), Capiago Intimiano con 5 (6 feriti) e Novedrate che, a dispetto della vicinanza con l’omonima e affollatissima strada si ferma a 4 incidenti con altrettanti feriti. Solo 3 gli incidenti a Cucciago, ma con 1 morto e due feriti.

Il caso particolare

E poi positivo caso a sé Senna Comasco, che segna uno zero tondo tondo. Sbagliato però addossare troppe colpe alle strade a scorrimento veloce, dati dell’Aci alla mano, perché nel Comasco 940 incidenti sono avvenuti su strade urbane, 483 su strade all’interno dell’abitato, 236 su statali o provinciali, 52 in autostrada, 16 su strade extraurbane.n

Silvia Cattaneo

© riproduzione riservata