Sabato 08 Giugno 2013

La Parada par tücc

invade la città

Como Parada par Tucc per le vie del centro
(Foto by Carlo Pozzoni)

Alberi umani alti tre metri, una “bici-toro”, decine e decine di percussionisti dai volti dipinti, ballerine e ballerini, bambini gongolanti, adulti divertiti, ragazzi, anziani, tutti alla conquista della città.

Trucchi per tutti

La “Parada par tücc 2013” si è svolta gioiosamente per le vie del centro storico senza causare alcun problema alla viabilità, quindi, osservata dagli occhi di migliaia di spettatori - comaschi, turisti, curiosi - senza rallentamenti nonostante un tempo che definire bizzarro è poco: appena si è aperto il grande sipario verde allestito in piazza Volta sono scese le prime gocce di una pioggerella fine e neppure fastidiosa. Lo scroscio successivo, breve, ma intenso, ha sorpreso i “paradisti” nel pieno dello svolgimento, ma a quel punto la carovana era inarrestabile. Erano più di quattrocento a sfilare, migliaia a guardare per un appuntamento ormai consueto della primavera lariana.

Partenza puntuale, alle 16.30, dopo un lento e divertente raduno durato due ore tra via Carcano e piazza Mazzini, con i gruppi dei vari laboratori a truccarsi, vestirsi, a ripetere passi di danza e coreografie stradaiole. Già questo solo momento ha deliziato gli avventori dei locali della piazzetta e i passanti.

Poi, all’aprirsi del sipario, la prima sorpresa: un gregge di pecore umane (palloncini bianchi al posto della lana) che sarebbe piaciuto a Buñuel: erano l’avanscoperta di tutta la sfilata e si sono poi mosse indipendentemente per le strade anticipando l’arrivo della “Parada”.

Il tema di quest’anno era “Flora & fauna” ed è stato interpretato nei modi più vari

Leggi gli approfondimenti su La Provincia in edicola domenica 8 giugno

© riproduzione riservata