Domenica 29 Dicembre 2013

La recita dell’asilo come la Scala

Nonna senza invito resta fuori

La scuola materna di Appiano Gentile (archivio)

Recita di Natale su invito, nonna allontanata dalla scuola materna perché non era nell’elenco. Ornella Arrigoni avrebbe voluto assistere all’ultimo spettacolo natalizio del nipotino, che frequenta il terzo anno della scuola dell’infanzia, ma non le è stato consentito l’accesso.

Di norma sono autorizzati a partecipare al recital in veste di spettatori soltanto i genitori che nei giorni precedenti ricevono un invito: per i primi due anni è riservato solo alla mamma o al papà, mentre per l’ultimo anno è esteso a entrambi. Sul biglietto è precisato che l’invito non è cedibile. Prescrizione che non era sfuggita alla nonna, ma mai avrebbe pensato che sarebbe stata difesa con tanta rigidità.

«Siccome il papà di mio nipote non poteva partecipare alla recita, essendo stata programmata in orario lavorativo, mia figlia ha pensato di invitare me a prendere il posto lasciato libero da lui – spiega Ornella Arrigoni, 55 anni, residente in paese – Mia figlia ha chiesto di farmi entrare ai tre genitori incaricati all’ingresso di controllare i biglietti, ma ci è stato risposto che non era possibile». La figlia ha insistito e chiesto di parlare con la coordinatrice, Graziella Rusconi, per chiarire la situazione e ottenere l’assenso. Negato.

«Sono stata allontanata – aggiunge la nonna – Non soltanto mi è stato rifiutato il permesso di entrare, ma anche di rimanere vicino all’ingresso».

Nel frattempo la mamma del bimbo aveva preso posto all’interno perché il figlioletto l’aspettava, pertanto non ha potuto più raggiungere la madre per darle le chiavi dell’auto ed evitarle, come poi avvenuto, di rimanere fuori al freddo fino al termine della recita.

«Ho assistito alla stessa scena fatta a una mamma che voleva far entrare la figlioletta più grande per vedere lo spettacolo in cui recitava la sorellina minore - prosegue la nonna - Anche a quella bambina è stato negato l’accesso, per cui la mamma ha dovuto accompagnare a casa la maggiore, in lacrime, e poi tornare a scuola per seguire il recital».

Festa rovinata per nonna e mamma, sconcertate di fronte a tanta intransigenza. «Avevo un grande desiderio di vedere mio nipotino partecipare allo spettacolino – conclude la nonna - Quando ho sentito intonare i canti natalizi, non sono riuscita a trattenermi dal piangere, sentendomi dire con tanta fermezza che sarei dovuta addirittura uscire dalla scuola».

Il prevosto don Giuseppe Conti - presidente onorario della materna - non essendo stato presente al recital, non è intervenuto nel merito dell’accaduto. Ha rinviato eventuali spiegazioni alla coordinatrice, di cui però non è stato possibile raccogliere la posizione, benché più volte contattata telefonicamente.

© riproduzione riservata