Lunedì 11 Novembre 2013

L’amministratore non pagava

Buco anche nei conti comunali

Il Municipio di Maslianico, alle prese con pesanti arretrati sulle bollette dei residenti
(Foto by archivio)

Il buco lasciato dall’amministratrice di condomini Francesca Mancuso ha colpito per la maggior parte i privati, ma ci sono riflessi negativi anche per le amministrazioni di pubbliche di Cernobbio, Maslianico e Como, quest’ultima per le forniture di acqua alle unità immobiliari di Tavernola, Ponte Chiasso, Monte Olimpino, Sagnino.

Il problema a Maslianico viene sollevato dal consigliere comunale di minoranza Salvatore Reina il quale ha ritenuto di porre pressanti interrogativi al sindaco Mario Luppi.

Reina fa riferimento ai complessi immobiliari Conca d’Oro e Molino Nuovo per i quali, a suo dire, sarebbero state avviate procedure di pignoramento a causa di posizioni debitorie per diverse decine di migliaia di euro, ma non sono esenti altri palazzi del paese affidati all’amministratrice la quale aveva continuato l’attività di famiglia nell’ufficio di via 25 Aprile, chiuso da un po’ di tempo. Il sindaco ha finora risposto a Reina in maniera piuttosto evasiva, tant’è vero che il consigliere manifesta la sua insoddisfazione e sollecita l’intervento del magistrato affinché si faccia chiarezza sulla delicata questione.

«Ci sono un po’ di arretrati nella riscossione delle bollette dell’acquedotto per circa ventimila euro - ammette Mario Luppi - ma si tratta di stabilire se i morosi siano due o più condomini e se la somma sia ascrivibile a diverse utenze che per le difficoltà del momento non hanno saldato i debiti. La riscossione delle bollette per il primo anno di arretrati rientra nelle sfere di diretta competenza degli uffici municipali, poi il credito viene passato a Equitalia e noi lo perdiamo di vista. Effettueremo delle verifiche con lo scopo di determinare l’ammontare esatto degli arretrati. I cittadini in capo ai condomini all’interno dei quali sono insorte le preoccupazioni hanno sempre facoltà di venire in municipio presentandosi di persona per doverosi accertamenti. Riceveranno risposte esaustive».n

© riproduzione riservata