L’incidente aereo sul lago  Nuova perizia al motore
Pietro in un’immagine felice

L’incidente aereo sul lago

Nuova perizia al motore

Martedì sarà trascorso un anno esatto dalla tragedia in cui, il 9 giugno del 2014, sulle montagne lecchesi di Premana, tre persone rimasero uccise in un incidente aereo che coinvolse uno degli idrovolanti dell’Aeroclub. Persero la vita, come noto, Francesco Gianola, 72 anni, sua moglie Adele Croci, 68, i due passeggeri, e il pilota, il comasco Pietro Brenna, 33 anni. Proprio per ricordare Pietro, martedì sera la comunità di Sant’Agostino si stringerà alla sua mamma, Maria, in occasione di una messa in programma alle 21, organizzata con gli amici del coro che Pietro aveva accompagnato tante volte alla tastiera del suo organo. In ricordo del pilota, il pittore Marco Monaldi - che è anche papà di Valentina, la fidanzata di Pietro - regalerà alla parrocchia un quadro raffigurante la Virgo Fidelis, per custodire per sempre vivo il ricordo di Pietro. A Lecco, intanto, un anno dopo, prosegue l’attività di indagine della Procura, tra perizie e consulenze. L’ultima, in ordine di tempo, è quella chiesta e ottenuta da Claudio Corengia, legale della famiglia di Pietro, nell’ambito del procedimento civile, in corso in tribunale a Como. Il giudice ha acconsentito l’espletamento di un nuovo accertamento tecnico sullo stato di “salute” del motore del piccolo idrovolante. Toccherà a un ingegnere accertare «se li velivolo Cessna C172N-I-SIPI fosse tecnicamente idoneo al volo in zone di montagna (qualità incontestata del luogo dell’incidente) e se le sue specifiche caratteristiche tecniche e lo stato del velivolo accertato al momento del sinistro possano aver costruito cause eziologicamente rilevanti per la verificazione del sinistro come concausa o causa esclusiva». Fuori dal linguaggio giuridico, si vorrebbe accertare se il motore fosse in condizioni tali da garantire la generazione della potenza necessaria per volare in totale sicurezza sulle montagne del lago. È uno dei nodi su cui si dibatte fin dalle prime ore immediatamente successive alla tragedia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA