Martedì 04 Giugno 2013

Per incassare i contributi

l’Inps riscopre i bollettini

Bollettini moltissimi quelli già arrivati a casa per posta per i versamenti volontari

Bollettini per tutti e sono cartacei. A sorpresa, l’Inps li sta inviando a tutti coloro che hanno presentato domanda di versamenti volontari e hanno dato contributi negli ultimi due anni: secondo una stima, sono circa tremila i destinatari in provincia di Como, compresi gli esodati salvaguardati che stanno pagando per raggiungere i 40 anni di contribuzione.

Nessuno se li aspettava, poiché da quest’anno l’Inps non invia più niente a casa, per disposizione del Governo deciso a risparmiare sulle spese postali e infatti i Cud, necessari per la dichiarazione dei redditi o i moduli Obism per l’attestazione dei redditi e i cedolini non sono più recapitati dal portalettere.

Per questo, si erano creati disagi e code ai patronati: non tutti erano e sono in grado di scaricare stampati da Internet, anche perché è necessario il Pin, composto da ben 16 cifre, metà trasmessa per posta e metà ottenuta dal sito. E ogni dialogo con l’Inps avviene attraverso le vie informatiche.

Leggi gli approfondimenti su La Provincia in edicola martedì 4 giugno

© riproduzione riservata