Piantedo, trovato morto  il cercatore di funghi
Super lavoro per l’eliambulanza

Piantedo, trovato morto
il cercatore di funghi

Dai primi accertamenti il pensionato, Mario Guattini, di Colico, è precipitato in un dirupo, perdendo il suo cellulare che continuava a squillare a vuoto.

Incidenti stradali, incidenti in montagna e in serata pure un cercatore di funghi disperso, che domenica mattina verso le 8 è stato trovato morto in una zona impervia sopra Piantedo.

L’ uomo di 71 anni, di cui si erano perse le tracce nel pomeriggio di ieri mentre cercava di raggiungere il rifugio Scoggione, a 1575 metri, nel territorio di Piantedo, è stato ritrovato verso le 8. Dai primi accertamenti il pensionato, Mario Guattini, di Colico, è precipitato in un dirupo, perdendo il suo cellulare che continuava a squillare a vuoto. Il corpo è stato trovato dalle squadre del Soccorso Alpino della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna con i militari del Sagf della Guardia di finanza e i Vigili del fuoco. Per il recupero è intervenuto anche un elicottero del 118.

L’allarme è scattato in serata, verso le 19. Sul posto si sono subito recati i soccorritori. A preoccupare i familiari dell’uomo, oltre al suo mancato rientro, il fatto che l’anziano non avesse più risposto al cellulare dalle 14,30. La moglie, impensierita, ha quindi contattato il rifugio Scoggione dove l’uomo era diretto e ha così appreso che il marito non era mai arrivato in quota. L’auto l’ha invece lasciata a Rusico, prima di incamminarsi verso Piantedo. Le ricerche sono proseguite anche nella prima parte della nottata e sono riprese verso le 6,30 di questa mattina, purtroppo con un esito drammatico.

Sono decine gli interventi che ieri si sono resi necessari ieri per rispondere alle richieste di aiuto. Diversi i voli che si sono resi necessari per raggiungere Livigno dove il Mottolino fun mountain ha richiesto la presenza del 118 per un ragazzo di 19 anni che si è infortunato in modo abbastanza serio. Il giovane è stato ricoverato a Sondalo in codice giallo. Meno grave invece un ciclista di 43 che è caduto dalla bici sul passo d’Eira (anche lui è finito al Morelli).

Nel primo pomeriggio, a Tirano, si è poi temuto il peggio per una lite familiare: coinvolti due uomini di 30 e 36 anni e due donne di 40 e 43 (sul posto i carabinieri di Tirano): per fortuna le conseguenze non sono state gravi, ma ci saranno strascichi giudiziari.

Lievi anche le ferite riportate da un motociclista diretto a Morbegno (qualche contusione giudicata guaribile in pochi giorni dal pronto soccorso di Gravedona) coinvolto in un tamponamento con un altro centauro (tutti e due provenienti dalla provincia di Milano), alla rotonda colichese del Trivio di Fuentes, al confine con il comune di Piantedo.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polstrada di Bellano (a cui spetta ora stabilire la dinamica di quanto accaduto), dal momento che le pattuglie di Sondrio erano tutte impegnate a presidiare lo svolgimento della Coppa Valtellina.

Nel pomeriggio, in Valmasino, due alpinisti sono stati soccorsi dall’eliambulanza sulla parete Sud del Badile, dopo essere stati colpiti da una scarica di sassi. Per fortuna si è trattato di un incidente lieve, ma per entrambi - un uomo di 34 anni e un ragazzo di 25 - si è reso necessario un controllo in ospedale a Sondrio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA