Picchia la suocera per vedere la figlia

Como, arrestato dalle volanti

Voleva vedere la sua ex compagna, dalla quale aveva avuto una figlia ancora in tenerissima età, che tuttavia non aveva mai riconosciuto.

Voleva vedere la sua ex compagna, dalla quale aveva avuto una figlia ancora in tenerissima età, che tuttavia non aveva mai riconosciuto.

Clement B., 21 anni, cittadino ghanese, non ha scelto la strada più “urbana”. Domenica, attorno alle 13.30, si è presentato sotto la casa di lei, a Rebbio, in via Di Vittorio, urlando e farneticando, salvo poi salire sul tettuccio di un’auto posteggiata lungo la strada e mettendosi a saltare, danneggiandola seriamente.

Quando sono arrivate le volanti della polizia, Boateng era seduto su una panchina in condizioni di evidente alterazione psicofisica, seminudo e circondato da un gruppo di ragazzi che cercavano di calmarli.

Gli agenti hanno ricostruito in breve quello che era accaduto: a furia di urlare, il giovane era riuscito a richiamare l’attenzione della suocera, che era scesa in strada. A quel punto aveva iniziato a strattonarla, inveendo contro di lei e contro la figlia, pretendendo ancora di poter vedere la bambina.

La signora aveva cercato di ripararsi all’interno dell’androne, con l’unico risultato di accendere ancora di più la rabbia del ragazzo, che l’aveva inseguita fin sulla porta dell’ascensore, spingendola nuovamente e provocandole un trauma distorsivo al rachide cervicale, opi mediato al pronto soccorso del Sant’Anna con 21 giorni di prognosi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA