Picchiano l’addetto alla sicurezza: arrestati per rapina impropria

Picchiano l’addetto alla sicurezza: arrestati per rapina impropria

La coppia aveva rubato alcuni vestiti dall’Ovs di Como: sono stati inseguiti fino a viale Roosevelt. Poi la colluttazione: il responsabile del negozio è finito in ospedale con un braccio rotto

Il furto si trasforma in aggressione, e due persone vengono arrestate.

Mercoledì alle 16.45 quando, il responsabile della sicurezza, un uomo di 52 anni, dell’OVS di viale Giulio Cesare, sente azionarsi il dispositivo antitaccheggio all’interno del centro commerciale e nota un uomo cercare di guadagnare velocemente l’uscita.

Così l’addetto alla sicurezza cerca di fermare l’uomo, un ragazzo di 22 anni, che però si dà alla fuga, seguito dalla compagna che, fino al quel momento,era rimasta in disparte vicino all’uscita del negozio.

Il responsabile alla sicurezza non perde tempo ed insegue i due fino a viale Roosevelt dove, raggiunto l’uomo, lo ferma facendone scaturire una colluttazione nella quale, la donna interviene, per aiutare il compagno, colpendo ripetutamente alla schiena ed al collo .

Chiamata ad intervenire la Volante, che dapprima seda gli animi, il responsabile dell’OVS viene inviato presso il Sant’Anna da dove verrà poi dimesso con prognosi di 25 gg per frattura radiale al braccio sinistro. Accertato l’accaduto la coppia viene arrestata per rapina impropria in concorso con lesioni personali e portata al carcere del Bassone.

La merce recuperata, alcuni vestiti, è stata restituita ai legittimi proprietari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA