Domenica 06 Ottobre 2013

Traffico comasco a rischio collasso

per le gallerie in Ticino

Un momento del convegno mobilità Mendrisio

Como rischia di collassare sotto il peso dei nuovi flussi di merci e passeggeri legati all’apertura delle gallerie ferroviarie svizzere del San Gottardo e del Monte Ceneri, la cui inaugurazione è prevista tra due anni.

E le cause principali, come emerso dal convegno “Regio insubrica: sfide ed opportunità della grande mobilità” che si è tenuto ieri mattina presso l’Accademia di Architettura a Mendrisio, sono il mancato quadruplicamento della linea Como-Milano, l’annullamento del capolinea del Tilo alla stazione di Como Albate e la mancata realizzazione di un polo di interscambio ferro-gomma. All’incontro, organizzato dai Lions in collaborazione con la Comunità di Lavoro Regio Insubrica, hanno partecipato esperti lombardi e ticinesi, che si sono confrontati con tematiche legate alle opportunità e ai problemi derivanti dai cambiamenti dei modelli di mobilità.

Una delle questioni più dibattute è stata quella del Tilo. La decisione di sopprimere il capolinea in Italia è infatti legato ad aspetti economici e a mancate realizzazioni di opere collaterali a favore del trasporto pendolari, prima tra tutti il parcheggio di interscambio.

Su La Provincia in edicola il 6 ottobre un ampio articolo sul tema.

© riproduzione riservata