Ufficio turistico al Broletto  Sono partiti i lavori
Ecco come sarà l’infopoint con le vetrate sotto il Broletto

Ufficio turistico al Broletto

Sono partiti i lavori

Area transennata questa mattina, cento giorni di cantiere

Parte il cantiere per realizzare un ufficio turistico sotto il portico del Broletto. I lavori sono scattati questa mattina, durata prevista cento giorni anche se il Comune conta di riuscire a ridurli.

Grazie al ribasso in sede di gara d’appalto (ha vinto l’impresa Bianchi Dante srl di Como), l’amministrazione può disporre di 100mila euro e ha deciso di utilizzarli per ulteriori migliorie nella zona. In particolare verrà installata una nuova illuminazione sotto il portico, nell’ambito di una riqualificazione complessiva, e si punta a sistemare i servizi igienici al primo piano per poi aprirli al pubblico.

L’incarico per la progettazione era stato assegnato all’architetto comasco Darko Pandakovic, scelto da una commissione di tecnici a seguito di una procedura negoziata a inviti (se n’è occupato il dirigente del settore urbanistica Giuseppe Cosenza). Pandakovic ha previsto una struttura in vetro di circa 50metri quadri (da realizzarsi attorno al corpo delle scale e dell’ascensore che portano al salone del Broletto) e una passerella pedonale sospesa per collegare - sullo stesso livello - piazza Duomo e via Pretorio, incentivando il passaggio. L’importo complessivo dell’opera ammonta a 450mila euro, di cui 315mila euro finanziati dalla Regione e la restante quota prelevata dagli introiti della tassa di soggiorno.

Nelle intenzioni di Palazzo Cernezzi non sarà solo un ufficio turistico ma un vero e proprio “hub” di informazione: «Valuteremo anche la possibilità di installare, sotto il portico, schermi con messaggi informativi a rotazione - ha detto l’assessore al turismo Luigi Cavadini - E studieremo con la Provincia un modo per integrarci con la loro struttura situata in piazza Cavour».

Una volta attiva la nuova struttura, verrà rimosso l’infopoint oggi situato nella vicina via Maestri Comacini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA