Addio Cipputi  Le nuove tute blu  sono tecnici 4.0
Allievi della Rodacciai Academy

Addio Cipputi

Le nuove tute blu

sono tecnici 4.0

Alla Rodacciai ingresso e preparazione degli operai metalmeccanici avvengono attraverso due linee di Academy

Anche quest’anno riparte l’Academy di Rodacciai destinata a preparare i nuovi metalmeccanici 4.0 su due linee di formazione: una, “operations”, della durata di 36 mesi, che totalizza fino ad oggi 8 edizioni in 4 anni e che per il 2018 ha ripreso il via lo scorso settembre; la seconda, per la “manutenzione”, è alla prima edizione, partita lo scorso marzo con durata di 48 mesi.

Rodacciai Academy ha iniziato l’attività nel 2015 sulla base di un progetto con cui l’azienda di Bosisio Parini ha voluto coinvolgere istituzioni e dalle scuole del territorio.

L’esperienza è nata quando, attraversata la crisi internazionale del 2009, si è posta l’esigenza di fare nuovi inserimenti in uno scenario di mercato totalmente diverso: Rodacciai ha scelto la strada di un rinnovamento culturale e generazionale. Uno scenario che non poteva più essere affrontato inserendo la tradizionale figura dell’operaio metalmeccanico «bensì – afferma Marco Onofri, responsabile dell’Academy – di operatori tecnici con un’idea completa del processo produttivo e dotati delle cosiddette competenze trasversali, o soft skill, che consentono di operare in un contesto in continuo cambiamento».

L’offerta carente

Dalle verifiche dell’azienda è emerso che non c’erano figure già pronte per un inserimento immediato, e ciò sia «per il numero troppo esiguo di diplomati tecnici in uscita dalla scuole – afferma Onofri – sia per un’attenzione non ancora adeguata all’aspetto delle soft skill». Quindi ci si è rimboccati le maniche, si sono chiamati a raccolta come docenti professionisti del settore e i tecnici più esperti dell’azienda e si è dato il via a «un percorso che richiede addestramento sul campo e formazione sui banchi con corsi – spiega Onofri – realizzati all’interno dell’Academy per formare professionalità che consentiranno all’azienda di vincere le sfide del mercato». Si punta dunque a trasferire ai giovani l’esperienza dei senior, ma anche ad insegnare nuove competenze digitali, specialistiche e relazionali.

I numeri ci dicono che dal 2015 a oggi sono 175 i ragazzi che hanno preso parte all’Academy, di cui il 97% risulta occupato, in Rodacciai o in altre aziende.

La linea “manutenzione” dell’Academy è dedicata a giovani tra i 18 e i 24 anni che aspirano a diventare manutentori meccanici e che nei primi 12 mesi otterranno il titolo di studio in alternanza fra corsi in aula e lavoro in azienda a fianco dei tecnici specializzati di Rodacciai. Un “percorso alla tedesca” (così lo definisce una nota aziendale) “che permette di alternare lo studio, le attività in laboratorio e il lavoro, all’insegna del learning by doing, l’apprendimento attraverso l’esperienza”. Dopo un anno si sostiene un esame e se va bene si passa al secondo step, con 36 mesi di apprendistato professionalizzante con per dotarsi dei requisiti minimi per operare come manutentore e magari iniziare il percorso di qualificazione come tutor dei prossimi ragazzi dell’Academy.

Per la linea “operations” invece ogni edizione rappresenta un upgrade di quella precedente, per il miglioramento continuo. Si inizia con 140 ore di formazione iniziale gratuita per giovani fra i 18 e i 29 anni che stanno cercando una strada nel mondo del lavoro. Il percorso è basato sull’apprendimento esperienziale attraverso giochi di ruolo, simulazioni, affiancamento passivo in reparto, esercitazioni pratiche e testimonianze di manager e professionisti. «Con un focus particolare sulla realtà Rodacciai – spiega l’azienda - questo momento iniziale consentirà di prendere dimestichezza con le aree logistica, produzione e manutenzione del settore metalmeccanico». Successivamente, dopo un primo inserimento “di prova”, si parte con l’apprendistato professionalizzante, per un totale di 36 mesi, in un clima di apprendimento costante a contatto con i colleghi di diversa anzianità aziendale, che consentirà di imparare una professione e entrare a pieno titolo nel team Rodacciai.

Contenuto e responsabilità

La varietà dei prodotti di Rodacciai, che oggi dà lavoro a circa 750 dipendenti nelle sedi italiane del Gruppo, corrisponde a molteplici attività nei numerosi reparti produttivi e ciò costituisce un valore formativo per i giovani dell’Academy che in un sondaggio interno hanno indicato quali punti di forza della loro esperienza il contenuto del lavoro, la responsabilità data alle persone per la gestione delle proprie attività, la varietà di mansioni e lo spirito di collaborazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA