Mercoledì 12 Giugno 2013

Artigiani al ritorno da Roma

«Con una speranza in più»

Marco Galimberti presidente confartigianato Como

«Qualcosa bisogna fare e quel qualcosa va fatto subito». Al termine dell’assemblea nazionale di Confartigianato, il presidente di Confartigianato Como, Marco Galimberti, plaude all’intervento fatto ieri mattina davanti al ministro Flavio Zanonato dal presidente nazionale della sua associazione, Giorgio Merletti.

«Oggi – commenta Galimberti – è il momento di fare, non quello del dire. La richiesta della base è questa e con la stessa il governo deve confrontarsi, evitando promesse e concentrandosi sui fatti reali. I problemi, del resto, sono stra-noti. Non è più tempo, dunque, di tergiversare, ma bisogna che la politica faccia il suo dovere, riprendendo il contatto con il mondo produttivo».

L’appello a Zanonato

Di fronte a Zanonato, Merletti si è soffermato sulla necessità di garantire i pagamenti alle imprese, sia dalla pubblica amministrazione, sia tra i privati.

Accesso al credito, snellimento della macchina burocratica e tassazione i temi caldi di questo 2013 che i numeri dicono essere molto complesso sotto l’aspetto della ripresa economica. Nel discorso, spazio anche alla tutela del Made in Italy e a quello della compensazione dei crediti nei confronti dello Stato. Su La Provincia in edicola il 12 giugno una pagina sul tema.

Di seguito un report della giornata a Roma:

«Le imprese italiane corrono

contromano e a occhi bendati e sembra si faccia di tutto per

spingerle oltre confine per trovare condizioni normali: il fisco

italiano tassa il 68,3% degli utili lordi d’impresa, in Svizzera

appena il 30,2%”. Il presidente della Confartigianato Giorgio

Merletti lancia l’allarme - l’ennesimo - sul fisco che schiaccia

le Pmi. “Le nostre aziende non ce la fanno più a sopportare

una pressione fiscale che nel 2013 toccherà il 44,6% del Pil,

2,4 punti in più sopra la media Eurozona” ha proseguito dal

palco dell’assemblea dell’organizzazione.

Appello subito raccolto dal ministro dello Sviluppo economico

Flavio Zanonato che non si è sottratto agli stimoli di una

platea reattiva e poco incline a illusioni. Sono al vostro

fianco, ha assicurato “ma le cose non sono facili, non ci sono

risorse e dobbiamo attivare meccanismi a costo zero per dare

soddisfazione alle imprese”. E poi: “a me non disturba se sono

contestato su questioni concrete, mi piace essere incalzato su

proposte specifiche, lavorare insieme significa anche essere

stimolati”, ha ribattuto a chi vociava di più, tra i tanti

stremati dalla crisi.

La realta è che “paghiamo 38 miliardi di maggiori imposte

rispetto ai partner europei, 639 euro in più per abitante. Tra

il 2005 e il 2013 l’incremento delle entrate fiscali è stato

pari ai 132 miliardi di incremento del Pil. Così non si esce

dal tunnel della crisi” ha incalzato Merletti. Il risultato è

sotto gli occhi di tutti: nei 600 giorni da novembre 2011 a oggi

si sono perse 60mila imprese, la disoccupazione giovanile è

cresciuta di oltre 8 punti, il Pil calato del 3,4%, la pressione

fiscale è aumentata di quasi 2 punti e il credito alle imprese

è diminuito di 65 miliardi. Nel frattempo si sono avvicendati

il governo tecnico supplente e poi lo “stallo alla messicana”.

Numeri da brivido, per questo le imprese non vogliono più

promesse dalla politica. “Adesso tocca a voi, chi governa

rispetti il mandato, fate il vostro dovere” ha detto il numero

uno degli artigiani, particolarmente applaudito su fisco,

burocrazia (”ci costa 31 miliardi l’anno”), da spellarsi le

mani sul “disastro Sistri”.

© riproduzione riservata