Conte lancia la cravatta  con il tricolore  Tessuto è made in Como
Il premier Giuseppe Conte ha lanciato la cravatta con il tricolore

Conte lancia la cravatta

con il tricolore

Tessuto è made in Como

Accessorio confezionato dalla maison Talarico,storico cliente del converter Classico Seta di Como

Provengono da Como i tessuti utilizzati per confezionare le cravatte blu decorate con la bandiera tricolore che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sta utilizzando in queste settimane di emergenza sanitaria. Le cravatte del premier, infatti, sono state realizzate dalla celebre maison Talarico di Roma ma il tessuto tinto in filo è fornito dalla Classico Seta di Como, converter di tessuti per cravatte attiva nel settore da oltre trent’anni.

«Talarico è un nostro storico cliente – afferma Cesare Tavecchio, responsabile commerciale dell’azienda comasca – ed insieme abbiamo progettato questo accessorio che è stato apprezzato dal presidente Giuseppe Conte ma non solo». La cravatta con il tricolore, infatti, è stata sfoggiata in questi giorni anche da Lapo Elkann, da Giuseppe Bono, ceo di Fincantieri, da Paolo Gallo, ceo di Italgas e da Giorgio Mulè, portavoce di Forza Italia.

«Non è la prima volta che un nostro tessuto viene utilizzato per realizzare cravatte di personaggi famosi – prosegue Tavecchio -: in passato abbiamo fornito la materia prima alla Italo Ferretti, noto brand fornitore di molti capi di Stato, per la confezione delle cravatte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump».

Classico Seta è stata fondata nel 1987 da Roberto Galetti e ha sede a Como, in via Mentana. «La nostra produzione – spiega ancora il responsabile commerciale dell’azienda – è costituita per l’80% da tessuto tinto in filo in seta e per il 20% da tessuto stampato: siamo orgogliosi di fornire un prodotto di alta gamma made in Italy ai migliori brand a livello internazionale. I nostri clienti – prosegue - sono case di moda conosciute in tutto il mondo e i nostri prodotti sono realizzati al 100% nella nostra tessitura di Como».


© RIPRODUZIONE RISERVATA