Expo più vicino via treno  «Aziende, venite al Padiglione»

Expo più vicino via treno

«Aziende, venite al Padiglione»

Mentre Trenitalia e Trenord annunciano 73 corse dirette, la Camera di commercio lancia un appello: «Sono 67 le giornate prenotate al Padiglione Italia nel nostro spazio, affrettatevi»

Alimentare, ma anche tessile, articoli sportivi, studi di ingegneria: sono tra i settori delle prime aziende e associazioni che hanno bussato per partecipare al Como Business Center. L’ufficio di rappresentanza nel Padiglione Italia che sarà una vetrina costante per 180 giorni. A cui si aggiungeranno altre importanti occasioni.

Ma il Lario può e deve fare di più: per ora, sono 67 le giornate occupate su 180 del periodo intero di Expo, quando appunto nell’ufficio che sarà il riferimento costante di Como per sei mesi si potranno avere un luogo di occasioni fondamentali.

SUI BINARI
Intanto Trenitalia e Trenord hanno annunciato 73 corse dirette tra Como ed Expo: un percorso di un’ora e 17 minuti, ma senza cambiare treno.

Ci saranno anche navette gratis e parcheggi a prezzo agevolato, ma l’appello ai comaschi è a privilegiare il trasporto pubblico e lasciare l’auto a casa.

IN CAMERA

Ieri in Camera di commercio l’appello è risuonato forte e chiaro attraverso il presidente Ambrogio Taborelli, Andrea Camesasca (giunta, delega per il turismo) e Attilio Briccola, coordinatore di SistemaComo.

E sono intervenuti anche altri, come Salvatore Amura, presidente dell’Accademia Galli, e Filippo Arcioni, di Sviluppo Como. Diverse le sfumature, un unico appello. «Expo Milano 2015 è un’occasione straordinaria per la nostra provincia - osserva Taborelli - Una finestra da cui gli oltre 20 milioni di visitatori previsti e le delegazioni Paesi potranno affacciarsi per conoscere le imprese e le associazioni lariane. Non ho dubbi che la qualità e l’impegno che ha caratterizzato il lavoro di SistemaComo2015 in questi anni porterà benefici all’intero territorio comasco anche dopo questo semestre di visibilità».

OGGI DUE PAGINE CON TUTTI I DETTAGLI SUL GIORNALE


© RIPRODUZIONE RISERVATA