Imprese comasche  Bando da 200mila euro  per i progetti digitali
L’iniziativa delle Camere di commercio nell’ambito del piano nazionale per l’industria 4.0

Imprese comasche

Bando da 200mila euro

per i progetti digitali

Il provvedimento della Camera di commercio. Domande per via telematica entro il 28 febbraio, alle imprese voucher con valore massimo di 5mila euro

Progetti e formazione per puntare forte sull’innovazione e dare attuazione, anche nelle piccole realtà, dei principi dell’indusria 4.0.

Sono molteplici le declinazioni concrete del bando per la digitalizzazione delle piccole e medie imprese. Sul tavolo, per quanto riguarda la provincia di Como, ci sono 200mila euro. I criteri di distribuzione dei contributi a fondo perduto sono stati resi noti da un bando della Camera di commercio pubblicato nei giorni scorsi.

Il bando propone due percorsi (A e B) che rispondono ad altrettanti obiettivi specifici tra loro complementari. Il percorso A, si propone di sostenere lo sviluppo dei progetti presentati dalle imprese. Il percorso B invece ha l’obiettivo di distribuire risorse per servizi di formazione e consulenza.

Nel complesso un aiuto alle imprese del territorio per la digitalizzazione che scorre sul doppio binario dell’implementazione tecnologica vera e propria e della formazione.

Il budget del piano è diviso in parti uguali - 100mila euro ciascuno - sui due percorsi, i voucher hanno un valore massimo di 5 mila euro per ogni singola impresa. Le domande dovranno essere inoltrate, complete della relativa modulistica, esclusivamente in modalità telematica attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle 10 del 23 gennaio alle 12 del 28 febbraio.

Per beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese devono essere attive, avere sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio ed essere in regola con il pagamento del diritto annuale.

Il bando è una delle misure previste dal progetto Punto Impresa Digitale (Pid) e ha il fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale in tutti i settori economici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA