Domenica 06 Ottobre 2013

L’incubo degli autotrasportatori

«Costretti a rifiutare il lavoro»

Luca Riva, presidente della Fita Cna di Como

Numero di automezzi e personale sono diminuiti per una crisi che costringe gli autotrasportatori comaschi a selezionare i servizi come non hanno mai fatto fino a un paio di anni fa.

Scelte che stanno aprendo il campo alla concorrenza delle aziende dell’Est Europa.

Anche per i trasportatori comaschi, come per aziende di altri settori, una via d’uscita dalla crisi sta nell’allargare l’orizzonte di attività sull’estero, anche se, complice il calo dei consumi italiani, sempre più spesso i viaggi richiesti verso Paesi europei sono per camion carichi di sola andata.

Si tratta di consegne che fino a qualche anno fa i trasportatori locali accettavano mettendo in conto un po’ di perdita sul ritorno a camion vuoto, ma alle quali ora sono costretti a rinunciare.

© riproduzione riservata