Pannelli come il legno dal polistirolo di scarto. Un primato brianzolo

L’iniziativa L’Officina Meccanica Gualco di Erba ha sviluppato il progetto con un’altra aziende di Cna. Materiale green, ultra resistente e impermeabile

Pannelli come il legno dal polistirolo di scarto. Un primato brianzolo
La macchina nello stabilimento di Muggiò

Migliorare l’ambiente e allo stesso tempo ottenere un prodotto innovativo riciclando il polistirolo in modo pulito è da oggi possibile grazie a Nova Foam, prima macchina messa a punto per creare un prodotto con caratteristiche simili al legno (di EPS riciclato) .

Nata come progetto dall’unione di Officina Meccanica Gualco di Erba e LoadMec (sede a Mugiò in provincia di Milano), due aziende associate Cna Lombardia, Nova Foam rispecchia l’efficienza delle imprese artigiane che creando innovazione riescono ad essere competitive anche sui mercati esteri.

Gli investitori

Ancor prima di essere presentata ufficialmente Nova Foam ha già attirato le attenzioni sia degli investitori sia di un’azienda americana che ha deciso di acquistare l’impianto per proporlo negli Usa.

«Apprendere che in seno alla platea dei nostri associati ha avuto luogo un’iniziativa come quella che ha portato alla costruzione, o meglio all’invenzione di Nova Foam non mi ha stupito - dichiara il responsabile Cna Produzione di Cna Lombardia, Paolo Panciroli - È il segno di una forza e di una volontà di superare i confini tra imprese e tra Paesi per restare competitivi e sostenibili in una fase complessa come quella che stiamo vivendo».

«Siamo orgogliosi di contribuire nei fatti ad un possibile miglioramento dell’ambiente creando nuove opportunità di crescita per la nostra economia e contribuendo a far crescere la reputazione del Made in Italy» spiega Mario Gualco, titolare della Gualco, azienda familiare nata nel 1977 a Erba che esegue lavorazioni su acciai legati, alluminio e le sue leghe, rame, ottone e bronzo, materie plastiche, superleghe e ghisa e  presidente regionale di Cna Produzione.

Il prodotto che si ottiene con questo impianto è costituito interamente di polistirolo riciclato ed è un materiale con durata eccezionale, riutilizzabile anche a fine vita. Le caratteristiche proprie si addicono ai più svariati utilizzi in sostituzione del legno; non assorbe umidità, non degrada né le caratteristiche fisiche né estetiche e non è aggredibile da insetti o batteri. Anche nei confronti di materiali plastici usati come rivestimento ha dei vantaggi, come ad esempio una ridotta dilatazione termica. Tutto ciò ad un costo paragonabile a quello di un buon legno, con il vantaggio che l’utilizzo del nuovo prodotto contribuisce a evitare l’abbattimento un numero enorme di alberi.

L’alleanza

«La nostra volontà è quella di realizzare progetti nuovi - affermano Luca e Daniela Manuguerra, proprietari della LoadMec, azienda che, con sede a Muggiò, si occupa di lavorazione di meccaniche - La nostra realtà nasce dall’esperienza di un’azienda storica che da più di 50 anni oltre alla creazione di una nuova linea di prodotti per la ristorazione, punta a creare innovazione sempre in collaborazione con il gruppo Gualco e nuovi partners».

Dalla sinergia di queste aziende è nato anche LOM Group, un marchio che si propone come bacino di idee per sviluppare progetti nuovi, con l’obiettivo di preservare il mondo, con particolare attenzione alle risorse esauribili del nostro pianeta.

Oltre a Nova Foam, la Gualco e la LoadMec hanno realizzato anche Nova Lab, come risposta alla domanda di analisi per le aziende produttrici di polistirolo. Nova-lab diminuisce la possibilità di errori e offre l’opportunità di correggere la produzione in breve tempo, ottenendo in questo modo una produzione controllata che permette un significativo risparmio energetico, dal momenti che la consegna di lotti non conformi comporta per le aziende produttrici doppie spese di produzione e di trasporto con un maggior inquinamento complessivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True