Più tasse per i frontalieri  «Così si paga un’altra Tasi»

Più tasse per i frontalieri

«Così si paga un’altra Tasi»

Continua lo sdegno dopo la decisione del Gran Consiglio: «Altro che dirci che siamo i topi che rosicchiano il formaggio»

Continua lo sdegno in Italia dopo la decisione del Gran Consiglio di aumentare il moltiplicatore al 100% per i frontalieri. Se l’Ocst e la Cisl avevano parlato di discriminazione, ora la Uil rimarca: «È come pagare un’altra Tasi. Però per un Comune dove non si ricevono servizi. Da noi, la Corte costituzionale l’avrebbe bocciato».

L’aumento entrerà in vigore il primo gennaio. E mentre il ministro Poletti ha promesso interessamento e il governatore della Lombardia Maroni ha incontrato i vertici del Ticino, arriva un attacco anche dal consigliere regionale Francesco Dotti, di Discriminazione, la parola volata subito dall’Ocst. e ribadita dalla Cisl. La Uil parla di un’altra Tasi. Il consigliere regionale Francesco Dotti, vicepresidente della commissione speciale sui rapporti con la Svizzera, parla di «una legge farsa».

OGGI SU GIORNALE I DETTAGLI


© RIPRODUZIONE RISERVATA