Montorfano: gli auguri   con un tuffo nel lago

Montorfano: gli auguri

con un tuffo nel lago

Sorrisi e un clima insolitamente “caldo” per il bagno nelle acque del Lago di Montorfano, che si è tenuto allo scoccare di mezzogiorno di Natale

Un tuffo e una nuotata di Natale che per i gelidisti d’Italia sono sembrati quasi estivi. Sorrisi e un clima insolitamente “caldo” per il tuffo nelle acque del Lago di Montorfano, che si è tenuto allo scoccare di mezzogiorno del giorno di Natale.

Protagonisti i quindici membri della Nazionale italiana di nuoto in acque gelide, che si allenano settimanalmente nel Lago di Montorfano, insieme ad una ventina di persone comuni, amatoriali, che hanno provato l’ebbrezza del tuffo natalizio.

Da alcuni anni questi atleti del gelo si ritrovano tutti i sabati e le domeniche, a partire da ottobre fino ad aprile, a Montorfano per sfidare, rigorosamente in costume, le rigide temperature del lago che pian piano vanno a fine gennaio con i “giorni della merla” a calare bruscamente. Nuotano con temperature esterne intorno ai 2 gradi: quando Montorfano ghiaccia, si trasferiscono al Lago del Segrino. Del gelo però, in questo strano Natale 2019, nemmeno l’ombra. La temperatura dell’acqua era insolitamente calda, esattamente a 6.4 gradi. Per gli atleti quasi una passeggiata: come di consueto i gelidisti hanno percorso circa 200 metri a nuoto nel lago, fino alla boa posizionata per i loro allenamenti.

Gli amatoriali invece hanno fatto una veloce pucciata delle acque del Lago di Montorfano e sono subito usciti. Il tuffo si è tenuto sulle spiaggia in località Sant’Andrea.

«Noi gelidisti sono ormai vent’anni che facciamo il tuffo e la nuotata natalizi, invece il tuffo amatoriale di Natale viene portato avanti da 32 anni a Montorfano – commenta Vittorio Zanoni, membro del gruppo – Effettivamente un Natale con acque insolitamente tiepide. Assicuro però che il freddo a 6 gradi si sente lo stesso». n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA