Giovedì 11 Febbraio 2010

Bollette e solenni fregature
I disservizi più clamorosi

COMO Bollette pazze e disservizi di ogni genere: il resoconto dei primi due mesi d'attività dello sportello «Infoenergia», attivato da Federconsumatori, somiglia a un bollettino di guerra. Oltre venti segnalazioni ricevute, decine di telefonate e alcuni casi davvero eclatanti: «Uno riguarda la sostituzione del vecchio contatore con un nuovo modello elettronico - spiega Silvana Brenna, presidente dell'associazione - Probabilmente è stato fatto un errore da parte del tecnico nella lettura finale del vecchio contatore, per cui un pensionato al minimo che consumava mediamente 9 kwh al giorno si è trovato una fatturazione relativa a un consumo, in sei mesi, di 53 kwh al giorno, per un totale di circa 3mila euro di bolletta. Dalla società ha ottenuto solo la rateizzazione, noi abbiamo chiesto l'emissione di una fattura in linea con i consumi precedenti. Un altro caso che abbiamo affrontato - continua Brenna - riguarda consumi stimati addebitati in bolletta notevolmente superiori a quanto riporta il contatore. Il cittadino non ha più pagato e ha fatto reclamo, così come l'abbiamo fatto noi; ma la società elettrica ha più volte minacciato la sospensione dell'erogazione di elettricità e il contenzioso è ora di circa 1.500 euro. Ancora: ci hanno portato una bolletta di conguaglio di cinque anni di circa 2.000 euro e, come indica l'Authority, è stato possibile ottenere una rateizzazione in tante rate quanto il numero delle bollette ricevute nei 5 anni».
Grossi problemi anche con il gas, a causa di «fatture di conguaglio elevate oppure non ricevute regolarmente; letture stimate dalle società che non coincidono con le letture reali (in particolare per case utilizzate solo in alcuni periodi dell'anno), difficoltà di comunicazione con i call center, rotture del contatore o sospetto di perdite dal vecchio per cui si richiede la rimozione, difficoltà per nuovi allacciamenti e volture».
Mi. Sa.

a.cavalcanti

© riproduzione riservata