Lunedì 22 Marzo 2010

Il Como spreca
un'occasione d'oro

COMO-FOLIGNO 2-2

Marcatori:
Turchi 4'pt, Zerzouri 18' pt, Cozzolino su rigore al 23' pt; Turchi su rigore al 42' st.

COMO (3-4-3):
Zappino; Conti, Gonnella, Goretti (dal 18' st Rudi); Bruno, Riva, Salvi, Franco; Zerzouri (dall'11' st Kalambay), Cozzolino, Filippini (dal 44' st Prandelli). A disposizione: Malatesta, Ardito, Fragiello, Piraccini. All. Strano-O.Brevi. 

FOLIGNO (4-3-3): Rossini; Ambrogioni (dal 32' st Fondi), Gregori, Guastalvino, Rossi; Gallozzi (dal 19' st Sciaudone), Borgese, Castellazzi; Giacomelli, Turchi, Cavagna (dal 24'st Calderini). A disposizione: Tomassini, Pencelli, Furiani, Virdis. All. Fusi. 

Arbitro: Bellutti di Trento.

NOTE - Spettatori: 2000 circa. Espulsi: Borgese al 27' st per doppia ammonizione. Ammoniti: Salvi, Franco, Bruno, Kalambay, Sciaudone, Gonnella. Angoli: 7-4 per il Foligno.

COMO - Como ancora bello di sera. Bello, combattivo, ma purtroppo stavolta non vincente. Peccato davvero, perché gli azzurri hanno giocato bene, con grinta, con cuore ed energia. Unico demerito, non aver saputo incrementare il vantaggio nel momento in cui è stato possibile farlo. Ed è arrivato un calcio di rigore, a favore del Foligno, a pochissimo dalla fine a rovinare quella che si delineava ormai come una serata di festa. Anche per il pubblico, che ieri sera ha seguito con particolare entusiasmo la gara.
Partita subito vivace, visto che il Foligno decide di segnare praticamente subito, sorprendendo bene la parte sinistra della difesa del Como. Bel passaggio filtrante di Borgese per Turchi, che alza da terra la palla in gol.
Ma il Como ha voglia di giocare e trova gli spazi per farlo, regalando anche belle emozioni. Come il palo colpito da Conti di testa pochi minuti prima della splendida rete di Zerzouri. Belle discese, buone iniziative, e ottima la palla che da sinistra Cozzolino mette in mezzo, e che il francesino al volo gira in rete. Entusiasmo e applausi, che aiutano un Como già ben messo in campo di suo a inistere alla ricerca del gol. Che arriva ancora, quattro minuti dopo il primo, su rigore. L'incontenibile Filippini entra in contatto in area con Ambrogioni, dal dischetto Cozzolino segna il due a uno.
La partita resta bella e vivace, grazie anche al Foligno che continua comunque, quando può, a portarsi in avanti, e crea anche qualche difficoltà agli azzurri, soprattutto sulle fasce. Ma il Como ha altre opportunità, soprattutto con Cozzolino, ma non solo. E' del bomber l'occasione più clamorosa, al 45', con un rasoterra che finisce fuori di poco, nato da un bello spunto dalla sinistra di Franco. Piace e convince, nonostante la scivolata difensiva iniziale, il modulo che Brevi ha scelto di riproporre dopo la vittoria di Arezzo.
Più nervosa e meno entusiasmante in termini  di occasioni da gol la ripresa, in cui il Como ha comunque il merito di non correre grossi rischi e di cercare, quando può, di portarsi ancora in avanti. Il Foligno deve provarci per forza, e per caratteristiche, ma Zappino ha comunque poco da fare. Sono ancora comasche le migliori possibilità, con una conclusione su punizione di Franco e con un contropiede di Cozzolino che però mette male la palla in mezzo. Tutto sembra mettersi bene, il Foligno è pure rimasto in dieci per l'espulsione per doppia ammonizione di Borgese.
Ma l'imprevisto purtroppo è dietro l'angolo. Anzi, in area. Dove al 42' un contatto tra Kalambay e Giacomelli viene punito con un rigore. Gelo sul Sinigaglia, Turchi segna. Peccato davvero. Assalto finale azzurro, ma la situazione non cambia più. Ma il Como di ieri sera merita applausi comunque. E lascia sperare in bene, questo è l'importante. Anche se un po' di attenzione in più in casi come questi...

f.angelini

© riproduzione riservata