Lunedì 12 Aprile 2010

Un'altra tragedia sul Lario
Sub muore davanti agli amici

COMO Un'altra tragedia, un altro morto nel Lario. Dopo la donna suicida a Carate, dopo il cadavere di Beatrice Sulmoni gettato dal marito nella zona di Laglio e dopo l'orientale ritrovato senza vita e vestito di tutto punto Armani davanti al Tempio Voltiano, ieri la nuova tragedia si è consumata nelle acque fredde del ramo di Lecco, in località Moregallo. Un subacqueo di 49 anni, Enrico Lazzaroni, residente a Bresso, impiegato e coniugato è morto, nonostante l'intervento degli amici che si erano immersi assieme a lui e dei soccorritori che hanno cercato di rianimarlo sulla riva.
E' successo ieri mattina poco prima delle 11. Un gruppo di sub era arrivato di prima mattina sulle spiagge del Moregallo per fare alcune immersioni. All'inizio è andato tutto bene poi, all'improvviso, il sub monzese si è sentito male mentre si trovava a circa quaranta metri di profondità.
I suoi due amici si sono avvicinati e lo hanno aiutato a salire in superficie e hanno chiamato immediatamente i soccorsi. Ma purtroppo è stato tutto inutile. Quando i medici inviati dalla centrale operativa del 118 sono arrivati sul posto per lo sfortunato sub della provincia di Monza non c'era più nulla da fare. Tutti i tentativi di rianimare il subacqueo si sono rivelati inutili e il 49enne di Bresso è morto pochi istanti dopo. Non è ancora chiaro, al momento, cosa possa aver provocato il malore fatale. Se un'ipotermia per la temperatura fredda del lago, un'embolia o per altri motivi.

f.angelini

© riproduzione riservata