Mercoledì 05 Maggio 2010

Butti: "A Mariano il Pdl
è unito". Frecciate alla Lega

MARIANO «Nel gruppo del Pdl di Mariano Comense non ci sono spaccature o correnti: ci sono solo persone serie che vogliono lavorare per il bene della città seguendo il programma della maggioranza con coscienza e senso di responsabilità. Prima su tutto il piano del governo del territorio, dove piuttosto è la Lega che continua a fare melina: Cantù insegna». Parola del senatore Alessio Butti, coordinatore provinciale del Popolo delle Libertà che, insieme al vice Patrizio Tambini, ha incontrato i consiglieri e gli assessori del partito marianese (assente giustificata il vicesindaco Roberta Dello Iacono) per un'analisi della situazione del gruppo in città dopo le vicende tribolate delle scorse settimane che hanno diviso gli esponenti locali in “pozziani” e “rinaldiniani” a seconda della vicinanza con i consiglieri regionali Pozzi e Rinaldin. Distinzione parsa più che evidente, ma categoricamente rifiutata da Butti: «Non sono  io a dirlo - afferma -  ma è la delegazione marianese che rigetta con convinzione queste etichette: i consiglieri e gli assessori hanno ribadito di essere tutti parte di un unico partito che è quello del Pdl. La campagna elettorale per le regionali è stata una parentesi dove, essendoci la preferenza unica, era normale e legittimo che si preferisse un candidato a un altro: quell'intermezzo, però, si è concluso e adesso gli esponenti marianesi sono pronti a lavorare in maniera coesa».  A partire dal Piano del governo del territorio: «Da tempo è stata consegnata al sindaco Turati e all'assessore Cerati la posizione del Pdl sulle scelte in tema di urbanistica ed è un documento unico e condiviso del gruppo, ma nessuno sviluppo ne è seguito: per questo ritengo sia la Lega a fare melina tanto è vero che nei prossimi giorni il capogruppo Rudy Benelli e il vicesindaco Roberta Dello Iacono chiederanno un incontro per fare il punto della situazione».

f.angelini

© riproduzione riservata