Martedì 03 Agosto 2010

Le vendite di auto
crollano anche a Como

COMO Finito l'effetto degli incentivi, sul Lario crollano le immatricolazioni di auto nuove. I numeri parlano chiaro: meno 20% in giugno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. E le prime stime sul mese di luglio sono tutt'altro che positive. Analizzando i dati ufficiali raccolti da Unrae (l'Unione rappresentanti autoveicoli esteri) si scopre, nel dettaglio, che in provincia di Como sono stati venduti, in giugno, 1.875 veicoli, con un calo di ben 415 unità (nello stesso mese del 2009 le immatricolazioni erano state 2.290). Secondo gli addetti ai lavori, il drastico calo si spiega principalmente con il venir meno dei bonus per la rottamazione dei mezzi inquinanti, ma le cifre testimoniano anche le difficoltà economiche che ancora attanagliano tante famiglie.
Le statistiche relative al primo semestre appaiono, invece, in linea con quelle dell'anno scorso: 12.607 immatricolazioni complessive, contro le 12.653 del 2009. Una situazione che si registra anche a livello nazionale. «Ma questo dato - spiega Gianni Filipponi, direttore generale di Unrae - può trarre in inganno, perché le consegne effettuate nei primi tre mesi dell'anno erano la coda delle vendite con incentivi del 2009». Non a caso, il numero delle immatricolazioni sul Lario ha iniziato a diminuire in aprile (1.897 veicoli venduti contro 2.183 dell'anno prima), dopo un primo trimestre addirittura con il segno più. E la parabola discendente è proseguita in maggio (1.961 immatricolazioni contro 2.071). Tornando ai dati sul primo semestre, va detto che in provincia di Como la marca più gettonata rimane Fiat  (con 2.571 immatricolazioni), alle spalle di Ford (1.184), Volkswagen (1.176), Renault (939) e Opel (735).

f.angelini

© riproduzione riservata