Venerdì 03 Settembre 2010

Il giudice rimette in cattedra
un altro professore rottamato

COMO - «Straordinari» del giudice del lavoro Beniamino Fargnoli per esaminare e decidere ricorsi d'urgenza presentati da insegnanti che non vogliono il prepensionamento forzato. Hanno 40 anni di contributi, ma sono e si sentono ancora troppo giovani per lasciare la scuola, nella quale vogliono applicare fino in fondo esperienze, competenze, doti umane, a favore soprattutto delle nuove generazioni. Si sono ribellati ad una norma del 2009 e che scadrà nel 2012, una norma discriminatoria, perché non tocca le posizioni di chi c'era prima, nè di chi verrà. La prima sentenza del giudice Fargnoli, a metà del luglio scorso, ha dato ragione a due professoresse, Mariellina Confalonieri e Maria Rita Livio, e il giorno 30 agosto, il giudice del lavoro s'è pronunciato su altri tre ricorsi d'urgenza, uno accolto e due respinti perché inammissibili.
Il professor Arple Ferrato, istituto comprensivo di Como Borghi, potrà rimanere ancora in servizio per ordine del giudice, «ritenuto - dice il dispositivo - che non era di competenza del direttore regionale Chiappetta interpretare restrittivamente una direttiva ministeriale». Inammissibile, invece, il ricorso d'urgenza proposto dalla professoressa Giuseppa Concetta Catania del Jean Monnet di Mariano Comense: ha conosciuto il procedimento del recesso del contratto di lavoro il 27 febbraio 2010, ha ricostruito il giudice, ma ha depositato il ricorso giudiziario il 27 luglio scorso, chiedendo un provvedimento d'urgenza. «Cinque mesi dopo: un così cospicuo lasso temporale confligge con il presupposto d'urgenza», motiva Fargnoli, manca perciò il pericolo. Ma c'è di più: era un contratto a tempo determinato, con scadenza il 31 agosto 2010. Era invece a tempo indeterminato il rapporto di lavoro dell'insegnante di Cantù Giovanna Castoldi. Ma secondo il giudice, avrebbe potuto seguire le vie ordinarie per un ricorso. Il 30 agosto, a situazione invariata, è troppo tardi.
Maria Castelli

p.berra

© riproduzione riservata