Martedì 07 Settembre 2010

Ok alle spiagge private
solo con regole chiare

Nessuna privatizzazione delle spiagge del lago e niente concessioni senza regole chiare che saranno contenute in quello che tecnicamente viene chiamato "piano di settore del demanio lacuale". È questa la presa di posizione unanime della commissione Territorio che si è riunita ieri pomeriggio a Villa Saporiti proprio per analizzare il tema che ha infiammato l'estate. Il piano Villa Saporiti lo aspetta ormai da due anni. Il 10 aprile del 2007 infatti venne sottoscritto il protocollo per la predisposizione del piano dal presidente del Consorzio e dai presidenti della Provincia di Como e di quella di Lecco. L'obiettivo era avere uno strumento integrato per la gestione del demanio e della navigazione lacuale. Il documento consente il monitoraggio ambientale, paesaggistico e territoriale come strumento di sviluppo socio/economico delle aree demaniali e «la relativa predisposizione delle azioni volte alla conservazione dello stato dei luoghi e della risorsa idrica», «lo sviluppo programmatico delle strutture e infrastrutture demaniali; la valutazione e concretizzazione delle esigenze locali di sviluppo e dell'uso del demanio della navigazione interna» oltre alla sicurezza nella navigazione. Il documento, secondo quanto previsto, avrebbe dovuto essere completato nel marzo del 2008 per passare poi nei consigli per l'adozione e l'approvazione. La commissione ieri ha dato mandato all'assessore al Territorio Sergio Mina e al presidente Leonardo Carioni di scrivere al Consorzio intimando la consegna, entro il 30 settembre, dei documenti per l'avvio del piano. In pratica è stata condivisa da tutti la posizione espressa già ad agosto dal dirigente Giuseppe Cosenza e da Mina che, in sintesi, erano favorevoli ad aumentare le concessioni soltanto nell'ambito del piano. Niente stabilimenti "ad personam". Se entro fine mese non arriveranno certezze dal Consorzio, sarà la stessa Provincia a predisporre il piano, valutando ovviamente se restare nel Consorzio.

e.frigerio

© riproduzione riservata