Sabato 02 Ottobre 2010

Como, la crisi colpisce
anche il volontariato

COMO Un punto di riferimento che stava diventando sempre più grande e sempre più forte è costretto a rimpicciolirsi e sta provando la crisi sulla propria pelle, al pari della società locale e nazionale: è il Centro Servizi per il Volontariato, Csv, sede in via Col di Lana. Su dieci operatori, tutte figure specializzate, otto sono in cassa integrazione e l'ammortizzatore è utilizzato con la diminuzione d'orario; tre hanno già trovato un'altra collocazione e prevale il part - time. La ragione è in due numeri: nel 2008, il Centro aveva ricevuto finanziamenti per 700mila euro dal «Comitato di gestione per il fondo del volontariato in Lombardia». Quest'anno, ne riceverà circa 370mila, in sostanza la metà e le prospettive sono incerte, poiché a fine anno scadrà la cassa integrazione. «Abbiamo un'unica certezza e non è poco - afferma il direttore, Martino Villani - i finanziamenti non saranno ridotti ulteriormente nei prossimi cinque anni. Quindi, ora sappiamo con quali risorse dobbiamo fare i conti».

p.moretti

© riproduzione riservata